04 agosto 2017

REGOLAMENTO UE 315/2017 E D.LGS 106/2017 SUI CAVI “CPR”

Precisazioni e gestione scorte cavi

Il Regolamento Europeo sui prodotti da costruzione (Regolamento UE 305/2011 "Regolamento CPR") prevede che tutti i materiali utilizzati nelle opere di ingegneria civile, e come tali anche i cavi di energia, comando e comunicazione immessi sul mercato dal 1° luglio 2017, debbano essere marcati CE ed accompagnati da una Dichiarazione di Prestazione (DoP) se destinati ad essere incorporati permanentemente negli edifici e nelle opere di ingegneria civile.


La Commissione Europea ha infatti deciso di considerare per i cavi anche la Reazione al Fuoco e la Resistenza al Fuoco, riconoscendo l’importanza del loro comportamento al fuoco ed il loro ruolo in caso di incendio.

Sia pure in maniera non ufficiale, il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ed i Vigili del Fuoco hanno chiaramente fatto capire che l’utilizzo dei cavi di cui è dimostrata la legale immissione sul mercato prima del 1° luglio 2017 è ammesso senza termini temporali.

Il prodotto può quindi essere utilizzato senza limiti temporali (in pratica sino ad esaurimento scorte) senza per questo violare alcuna norma o provvedimento non essendoci alcuna regola legislativa nazionale a carattere obbligatorio contraria.

Si rimanda la lettura completa alla nota allegata.

Cna Installazione impianti

 

 

DOWNLOAD Nota su REGOLAMENTO UE 315/2017 E D.LGS 106/2017 SUI CAVI “CPR” (Formato PDF - 0)